Lo spazio espositivo del futuro​

I pensieri di Vincent Van Gogh prendono vita, e soprattutto colore, nella passeggiata all’interno del primo museo immersivo permanente d’Italia, quello inaugurato nel gennaio 2021 a Villesse, in provincia di Gorizia. Lo spazio espositivo, di quasi 2.000 mq2, è stato ricavato all’interno del Tiare Shopping, il primo meeting place nel Nord-Est, che può cambiare forma grazie alla modularità delle pareti e a tecnologie innovative.

Emotion Hall, un progetto che si sviluppa per le persone e le aziende, mette insieme reale e virtuale e li fa dialogare in prospettiva futura. In questo spazio sono stati usati videoproiettori, sistemi audio e persino ologrammi in 3D. Le tecnologie innovative consentono ai visitatori di uscire dal ruolo passivo di spettatori e vivere direttamente in prima persona le emozioni delle mostre e degli eventi ospitati.

Nella Sala Uno, 8 videoproiettori inondano il pubblico di immagini, contenuti in movimento e suggestioni: un “tappeto digitale” di 35 m che sale fino al soffitto. La Sala Due è un’area progettata per creare esperienze reali e/o virtuali in cui i device digitali (tablet) dialogano con quelli analogici (ad esempio oggetti in esposizione). Nella Sala Tre, troviamo 500 mq di suggestioni A/V a 360 gradi, grazie a 13 videoproiettori per le pareti e 4 videoproiettori per il pavimento. Effetti sonori e varie mirror room spingono al massimo le emozioni. Per questa installazione sono stati utilizzati videoproiettori laser NEC modello PA 803 UL da 8.000 ANSI Lumen e tecnologia LCD.

FacebookTwitterLinkedIn